Il progetto ALLI [Atlante Linguistico dei Laghi Italiani]

“CULTURA E CIVILTÀ DELLE ACQUE INTERNE” Studi e ricerche del Progetto ALLI (Atlante Linguistico dei Laghi Italiani)

Mostra a cura di Antonio Batinti, Chiara Biscarini, Ermanno Gambini, Antonello Lamanna – Perugia,Palazzo Gallenga(II°eIII°Piano) Dal17 al 18, dal 21 al 25 maggio 2012 orario:9,00-­‐19,00

L’ALLI, Atlante Linguistico dei Laghi Italiani, è un progetto geolinguistico ed etnolinguistico finalizzato alla raccolta, alla documentazione e allo studio della vita, storia e lingua delle comunità vissute presso le acque interne italiane. Partecipano all’impresa studiosi appartenenti a dodici Università italiane. Il programma è stato ideato e avviato dal prof. Giovanni Moretti, titolare della cattedra di Dialettologia italiana della Facoltà di Lettere dell’Università di Perugia fino all’anno accademico 1997-’98. Le prime indagini sono state svolte in area umbra e hanno consentito di elaborare strumenti e metodi di raccolta e di documentazione. I materiali linguistici ed etnografici, raccolti in 63 punti di indagine nell’areale italiano, sono stati esaminati nell’ambito di importanti momenti di confronto e di discussione costituiti dai numerosi congressi e seminari. Il progetto ha contribuito, con 50 pubblicazioni, a colmare una lacuna nella storia degli studi linguistici italiani, aprendo indirizzi di studio interdisciplinari in un ambito di esperienza, costituito da un settore produttivo e terminologico, fino a quel momento scarsamente attestato e minacciato da profonde trasformazioni. L’ALLI nasce ufficialmente nel 1982 in occasione del I Convegno tenutosi a Castiglione del Lago – Passignano (23-25 settembre) dal titolo Lingua, storia e vita dei laghi d’Italia, ma già dalla seconda metà degli anni Sessanta si erano svolte le prime indagini sul lessico dei pescatori del Lago Trasimeno ad opera di Giovanni Moretti.  A S. Feliciano è già attivo dal 1984 il “Museo della pesca del Lago Trasimeno”, primo Centro di documentazione promosso dal progetto ALLI, che ha curato in questi anni varie iniziative per valorizzare la cultura dei pescatori-cacciatori del lago con la pubblicazione di una collana editoriale (i Quaderni del Museo della Pesca del Lago Trasimeno) composta di nove volumi, più tre cd rom tematici. A Passignano sul Trasimeno, nel luglio del 2004, è stato inaugurato il “Centro di documentazione sulle imbarcazioni tradizionali delle acque interne italiane”. Attualmente, svolge la funzione di responsabile scientifico Antonio Batinti, di segretario Ermanno Gambini, di responsabile della documentazione Antonello Lamanna. Il progetto ALLI ha sede presso il Dipartimento di Lettere – Università degli Studi di Perugia.

(Nella foto) La pesca dei tori al Lago Trasimeno nel primo Cinquecento. Sollevamento del lembo sommerso della rete. Ricostruzione tratta da: Gambini E., Pasquali E., I Tori. La Gran Pesca del Medioevo al Lago Trasimeno, Perugia, Guerra,  1996. Acquerello di E. Pasquali di Passignano (dimensioni dell’originale: cm 148×74).